Come suscitare l'interesse dei pazienti acufenici

È chiaro che le persone si preoccupano quando sentono un ronzio nelle orecchie. Come mai, allora, non li vediamo accorrere nei centri audioprotesici?
L'American Tinnitus Association stima che, solo in America, 50 milioni di persone soffrono di acufene. Le nuove tecnologie degli apparecchi acustici, le terapie e gli integratori possono contribuire ad alleviare i sintomi dell'acufene – eppure come mai, nonostante tutte le persone che ne soffrono, sono in pochi a chiedere aiuto? “Le persone generalmente non cercano aiuto perché credono ancora che non ci sia nulla da fare a riguardo”, afferma Richard Tyler, professore dell'Università dell'Iowa specializzato in problemi acufenici.
Tyler afferma che nessuno meglio degli audioprotesisti può smitizzare questa falsa credenza. “È importante che i medici sfruttino le loro abilità a 360° gradi e si preparino a contribuire non solo prescrivendo gli ausili per l'udito, ma anche fornendo una corretta consulenza”, afferma. “Per gli audiologi e gli audioprotesisti questa è una splendida opportunità per mettersi in gioco ed aiutare i pazienti. Del resto sono i soli professionisti ad avere le competenze giuste per poterlo fare”.
Dare e ottenere sostegno
Un modo valido per dare sostegno ai pazienti acufenici, ampliando così anche la propria clientela, è avviare un gruppo di sostegno che affronti i diversi aspetti del problema. Gemma Twitchen, audiologa della onlus Action on Hearing Loss, con sede nel Regno Unito, afferma che i gruppi di sostegno sono in grado di fornire sia conforto che informazioni a chi soffre di acufene. La Twitchen afferma che, nel Regno Unito, questi gruppi sono spesso gestiti da un terapeuta in campo audiologico ed aiutano chi soffre di acufene a sentirsi meno isolato.

I benefici per i pazienti, si riflettono anche sono sugli audioprotesisti che, offrendo servizi specifici, possono ampliare la loro attività. Gestire un gruppo di sostegno gratuito presso il proprio centro audioprotesico può aprire le porte a nuovi clienti.

Il problema è solo che la gestione di un gruppo è piuttosto impegnativa, afferma l'audiologo Kevin St. Clergy. Egli supporta audiologi e audioprotesisti attraverso il training e la formazione del personale, offrendo con la sua azienda EducatedPatients.com, soluzioni di marketing innovative. St. Clergy afferma che un modo per risparmiare tempo e offrire il giusto sostegno è mettere a disposizione una sede in cui il gruppo possa incontrarsi e trovare un sostenitore in grado di gestirlo. I professionisti possono anche partecipare come relatori ospiti di un gruppo di sostegno già esistente, fornendo consigli e informazioni sulle proprie attività.
Educare il pubblico
Anche i seminari di formazione pubblici offrono ai clienti strumenti per comprendere meglio l'acufene. St. Clergy suggerisce di istituire un seminario, che comprenda anche un pranzo, con presentazioni sull'acufene e sui possibili trattamenti.

La promozione dell'evento è particolarmente importante. Tramite la pubblicità online e l'invio di 5.000 - 10.000 inviti per posta, si può arrivare a circa 50-100 partecipanti, afferma St. Clergy.

E' utile predisporre un'agenda in cui registrare gli appuntamenti ed incoraggiare ogni partecipante al seminario a prenotarsi, prima della fine dell'evento.

"L'obiettivo in sé, dal punto di vista del business, è quello di ottenere appuntamenti", afferma. "Si tratta di informare le persone e motivarle per farle poi ritornare nel centro".
Alleanze con i medici di base
La prima persona a cui la maggior parte delle persone si rivolge quando si accorge di "sentire un ronzio nelle orecchie" è il proprio medico di famiglia, per questo è importante avere un buon rapporto con i medici di zona.

Matt Perry, audiologo e proprietario di Audiology Marketing Now, suggerisce di consegnare opuscoli sull'acufene agli ambulatori dei medici di base presenti sul proprio territorio. Il centro audioprotesico, quindi, può creare brochure e biglietti da visita che pubblicizzano la propria "divisione acufene" e consegnarli ai medici, affinché li distribuiscano i loro pazienti.

“Molti medici saranno grati di avere queste informazioni e di poter aiutare meglio il paziente senza dover dire le solite cose ‘Non ci stia a pensare più di tanto’, o ‘Non c'è nulla che si può fare’”, afferma.
Essere presenti online
Secondo le statistiche di Google, ogni mese vengono effettuate oltre 400.000 ricerche con i termini “tinnitus ” ("acufene") e “ronzio nelle orecchie, ” o “ronzii alle orecchie” Le persone sopra i 50 anni, una fascia demografica chiave per gli audioprotesisti, utilizzano sempre più Internet per cercare informazioni e consigli sulla salute. Per raggiungere queste persone, anche gli audioprotesisti devono essere online.

Perry afferma che un modo per aumentare il traffico web è appoggiarsi alla pubblicità di aziende che vendono prodotti per l'acufene. Suggerisce di aprire un blog che offra recensioni di nuovi prodotti per l'acufene e una panoramica di notizie correlate.

“In questo modo, quando le persone cercano informazioni aggiuntive online oppure un distributore locale per un prodotto di cui hanno appena sentito parlare alla radio, trovano opinioni e recensioni del prodotto scritte da voi”, afferma.

St. Clergy afferma che un buon sito web dovrebbe essere ottimizzato in modo da includere parole chiave che i potenziali clienti potrebbero cercare, come “ronzio alle orecchie” e “acufene”. Anche i video, nel marketing online, sono importanti e possono includere le testimonianze dei pazienti, guide e brevi filmati educativi“. Realizzare questi videoclip nel modo giusto, rafforza la propria reputazione di esperti in campo acufenico”, afferma.

L'obiettivo generale è conquistare la fiducia delle persone e invogliarle ad un contatto diretto presso il centro audioprotesico. Ogni video deve contenere un “invito all'azione”, ed evidenziare telefono, e-mail e e link per la prenotazione online dell'appuntamento.

“La domanda esiste ed è evidente che le persone desiderano e cercano informazioni sull'acufene online”, afferma Perry. “Per raggiungere questo bacino di utenza, gli studi audioprotesici devono includere informazioni sull'acufene nei loro siti web, invitando all'azione i lettori per un consulto sull'acufene.

OPPORTUNITÀ COMMERCIALI UNICHE CON IL NOSTRO PROGRAMMA COMPLETO PER IL TRATTAMENTO DEGLI ACUFENI

Widex è l'unico produttore di apparecchi acustici ad avere programma completo per il trattamento dell'acufene. Adottalo anche tu per qualificare il tuo centro audioprotesico, ampliare la tua clientela e avere migliori opportunità di upselling.

Hai domande sui nostri prodotti o servizi?

Entra in contatto con noi

Contattaci

Il nostro team di assistenza clienti è pronto a gestire le tue richieste.

Chiama il numero **043 233 42 42** o clicca qui:Contattaci

Selezionate il paese

Widex Hörgeräte AG

Hertistrasse 21
Postfach
8304 Wallisellen

Tel.: 043 233 42 42
Fax: 043 233 42 43
E-Mail: info@widex.ch