JOE KITTINGER - UNA VITA AL MASSIMO

Joe Kittinger è conosciuto da molti come la prima persona che si è lanciata dalla stratosfera. Quello che pochi sanno è che soffre di deficit uditivo indotto dal rumore.
Una vita passata a pilotare jet da combattimento, volare in mongolfiera e gettarsi con il paracadute ha avuto anche qualche risvolto doloroso per Joe Kittinger. All'inizio della sua carriera ha subito un lieve un trauma cranico durante l'atterraggio di emergenza di una mongolfiera ad elio, durante una tempesta di neve. Un decennio più tardi ha quasi perso una gamba per l'infezione di una ferita non curata, come prigioniero di guerra in Vietnam. Terminata la carriera militare, si è rotto un braccio compiendo un atterraggio di emergenza su un'isola deserta, durante una gara di mongolfiere. Le ferite visibili sono poi guarite, ma non tutti i problemi di Kittinger hanno avuto una soluzione rapida. Per decenni Kittinger ha sofferto di una delle lesioni invisibili più comuni tra i soldati: l'ipoacusia causata dal rumore. Per fortuna, gli apparecchi acustici lo hanno aiutato a fare buon uso del suo udito residuo.

Un passo da gigante
Kittinger è noto, in particolare, per Excelsior III, un progetto sponsorizzato dall'esercito degli Stati Uniti negli anni '60, che lo ha visto lanciarsi da un pallone aerostatico a 31 chilometri di altezza per testare l'efficacia dell'espulsione ad alta quota. Un progetto pericoloso che avrebbe terrorizzato anche i paracadutisti più veterani. Per fortuna, Kittinger non è un tipo da spaventarsi facilmente.

“Per me era un lavoro come un altro”, afferma. “Sono stato abituato a lavorare in ambienti stressanti. Ho dovuto concentrarmi sul problema che stavo affrontando ed ess ere preparato”.

Quella che per Kittinger era una normale giornata di lavoro, è passata alla storia come il lancio con paracadute dalla quota più alta in assoluto, un record che, fino allo scorso ottobre, non era ancora mai stato infranto. Per Kittinger, è stato solo l'inizio. Ha trascorso quasi 30 anni nella United States Air Force, compresi tre turni di servizio in Vietnam e 11 mesi di detenzione, come prigioniero di guerra. Nel 1984 ha stabilito un altro record del mondo: è stato il primo uomo a fare un volo in solitaria, in mongolfiera, attraverso l'Oceano Atlantico.
Una vita da urlo - senza protezione dell'udito
La vita è sempre stata un'avventura per Kittinger – ed è stata parecchio rumorosa. Al culmine della sua carriera, ha pilotato aerei caccia per oltre 20 ore a settimana, il tutto utilizzare alcuna protezione per le orecchie.

“Ho passato 29 anni su una pista da jet, ed è stato questo a mettere K.O. il mio udito”, afferma. “Era una zona molto rumorosa e noi non avevamo né auricolari, né cuffie di protezione”.

A 45 anni, Kittinger si è accorto di non riuscire più a sentire i suoni alti come prima. Per molti anni, la cosa è stata facile da ignorare. La sua perdita uditiva, però, è andata peggiorando nel corso dei due decenni successivi, ma Kittinger ha continuato a soffrire in silenzio. Solo all'età di 70 anni ha finalmente indossato il suo primo paio di apparecchi acustici.
È stato per via del mio ego, probabilmente, che ho continuato a rimandare, fino a quando - alla fine - ormai non riuscivo più a sentire nulla. Quando mi sono deciso, finalmente, a usare gli apparecchi acustici, ho rimpianto di non averli presi prima.
Joe Kittinger
Tenere lo slancio
Gli apparecchi acustici di Kittinger gli hanno permesso di continuare a lavorare anche a 80 anni e oltre. Nel 2008, Kittinger è stato ingaggiato dal Red Bull Stratos, un progetto nato per testare le prestazioni dei paracadute e delle tute pressurizzate d'alta quota da utilizzare per l'evacuazione in emergenza dalla stratosfera. Lì ha lavorato come mentore per Felix Baumgartner, il paracadutista austriaco di 43 anni selezionato per il lancio.

“Sono stato l'unico con cui Felix potesse parlare e che avesse esperienza in questo genere di cose, anche perché ero l'unico che le avesse mai fatte”, afferma.

Il 14 ottobre 2012, Felix era seduto in una capsula, legata a un gigantesco pallone a elio, ed ha iniziato la sua ascesa verso la stratosfera. Nel centro di controllo della missione sedeva Kittinger, che continuava a trasmettergli istruzioni e incoraggiamenti. È stato un compito che ha richiesto a Kittinger la massima attenzione e velocità di reazione. Soprattutto, era importante che sentisse tutto.

“Senza i miei apparecchi acustici, non sarei riuscito a far nulla”, ha detto. “Indossandoli, per fortuna, non ho avuto alcun problema di comunicazione”.

Ora che il progetto Red Bull Stratos è terminato, qualcuno potrebbe pensare che, a 84 anni, Kittinger sia pronto per la pensione. Ma lui ha ancora del lavoro da fare.

“Sono alla ricerca di una nuova avventura. Mi piacciono le sfide e lavorare su programmi di ricerca”, afferma. “Non ho ancora individuato la mia prossima avventura, ma di certo non ho smesso di cercarla”.

UNIQUE SUPERA I LIMITI

UNIQUE è un apparecchio acustico come nessun altro: pieno di nuove caratteristiche, ha 4 convertitori A/D migliorati con una gamma di ingresso incredibilmente ampia, un classificatore del suono per l'ascolto intelligente e il sistema di attenuazione del rumore del vento, che riduce nettamente il rumore del vento.

Hai domande sui nostri prodotti o servizi?

Entra in contatto con noi

Contattaci

Il nostro team di assistenza clienti è pronto a gestire le tue richieste.

Chiama il numero **043 233 42 42** o clicca qui:Contattaci

Selezionate il paese

Widex Hörgeräte AG

Hertistrasse 21
Postfach
8304 Wallisellen

Tel.: 043 233 42 42
Fax: 043 233 42 43
E-Mail: info@widex.ch